Semplicemente voi....

Pagine

martedì 31 luglio 2012

Quando si chiude una porta...

Ho tanto atteso questo momento.... Sono 6 mesi che sogno il giorno in cui avrei chiuso definitivamente quella porta... e tutto mi sarei aspettata tranne la malinconia...

Sono passati 5 anni e mezzo da quel lontano 5 gennaio 2007, giorno in cui abbiamo firmato il contratto per affittare l'appartamento... Un mini appartamento, vicino al centro, "Solo un paio d'anni al massimo" ci siamo detti... poi il tempo è volato, tutti gli anni c'era qualcosa di più importante. La mia insofferenza continuava ad aumentare esplodendo in creatività compulsiva: continuavo a cambiare colore alle pareti, a spostare mobili a cambiare stile...

E poi è arrivata lei: un'offerta caduta dal cielo per una nuova casa. Visionata e piaciuta, non abbiamo perso tempo, abbiamo preparato tutti i documenti e cominciato a fantasticare: colori, mobili, angoli creativi e di relax... Lo scorso week-end l'abbiamo passato a colorare casa, insieme a parte della mia famiglia: chiacchiere, risate, consigli, un pranzo arrangiato utilizzando il pavimento come tavolo... e la fatica quasi non si è sentita!

Ieri pomeriggio l'incontro con il proprietario di casa per restituire le chiavi. Ci ha riempito di complimenti: per la nostra puntualità e serietà, per il modo in cui è stato tenuto l'appartamento e non sono mancati gentili commenti per il nostro Giove "Un cane elegante, educato e coccolone!" Ci siamo salutati con affetto e la porta è stata chiusa!

Andando verso il lavoro sono riaffiorati tanti ricordi: la fretta nell'occupare quell'appartamento, il NOSTRO PRIMO appartamento, la ricerca di mobili a costi ridotti, il "campeggio forzato" in casa in attesa dell'arrivo della cucina, le cene con amici e parenti ogni volta che cambiavo qualcosa, le prime conoscenze nella corte, l'arrivo di Giove...

Confesso che non vedevo l'ora di andare via, mi sentivo come una pentola a pressione sul fuoco ormai da troppo tempo, eppure lasciare "il Bunker" mi ha fatto uno strano effetto... 

Ma si sa: io sono una sentimentale....

Ed ora sono (quasi) pronta ad aprire un portone (o portoncino date le effettive dimensioni)... e chissà cosa mi riserverà questa nuova abitazione...

E voi come affrontate le novità? Come vivete gli spostamenti e i cambiamenti? Anche voi, come me, vi fate trasportare da una moltitudine di emozioni oppure, come il mio compagno, siete più razionali?

Un abbraccio affettuoso!
Antonella